Home » Recensioni » Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G in offerta: recensione e caratteristiche

Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G in offerta: recensione e caratteristiche

Sono lontani i tempi nei quali Xiaomi veniva considerato un brand sicuramente poco conosciuto ma anche legato a modelli estremamente particolari ma adattati al sistema Android, permetteva di accedere a dispositivi dall’ottimo rapporto qualità prezzo. Con il contesto europeo “aperto”, Xiaomi si è rivelato un competitor sicuramente in grado di rivaleggiare con Samsung e tutti gli altri big del contesto Android. Lo Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G identifica uno dei modelli sicuramente più interessanti della serie 13, come analizzeremo nella nostra recensione.

Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G: dimensioni e contenuto confezione

Medio di gamma tra il 13 “normale” ed il Plus, lo Xiaomi Redmi Note 13 Pro è uno smartphone dal buon impatto costruttivo, dimensioni non eccessive da 161.2 x 74.2 x 8 mm e poco meno di 190 grammi di peso. Presente il caricabatterie da muro da ben 67 watt, il cavo USB type C e la spillina ma anche la cover.

Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G: display

Certificazione certificazione IP54 per lo schermo che è un AMOLED da 6.67″ con risoluzione 1220 x 2712 pixel di tipo piatto e dalle cornici non invadenti. Nessun problema da segnalare, colori vividi e personalizzabili, uno dei punti forti di questo Xiaomi.

Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G: connettività

Manca davvero poco a questo dispositivo per essere considerato “completo”, presente il 5G, il Jack per le cuffie, NFC nativo, Bluetooth 5.2 e supporto a Wi-Fi Dual band. Cosa non troppo frequente, presente anche il supporto per le eSIM.

Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G: potenza e memoria

Nessuna memoria espandibile, due tagli di memoria e due tagli di “spazio”, rispettivamente 8/12GB di RAM e 256/512GB. Memorie di tipo 2.2. Il sistema è basato nativamente su Android 13 (MIUI 14), conosciuta come interfaccia, ben realizzata ma oramai un po’ da svecchiare esteticamente.

Xiaomi Redmi Note 13 Pro 5G: comparto fotocamere

A dispetto di una scheda tecnica apparentemente importante per quanto riguarda il pannello principale, la fotocamera da 200MP con apertura f/1.7 e stabilizzazione ottica OIS è buona ma non eccellente, e restituisce colori un po’ troppo “finti” (ma è presente una buona presonalizzazione). Meglio la seconda cam, la ultra-grandangolare da 8MP che ha una buona apertura, la macro da 2 Megapixel è abbastanza inutile, decisamente interesante la selfie cam da 16 Megapixel. Promosso, ma foto non distanti da altri della categoria.

Autonomia e batteria

Ricarica rapida efficiente, in ogni caso è difficile “scendere” sotto una batteria del 25 % a fine giornata. Decisamente un punto di forza.

Conclusioni

E’ quello della serie 13 di Xiaomi sicuramente più equilibrato ad un costo addirittura inferiore a 300 euro di “base” è sicuramente uno dei best buy della categoria, non ha veri e propri difetti, e non ha neanche troppi bug nell’ecosistema.

contenuto a cura di luca macaluso

Lascia un commento